Tag: marketing

Lavorare sempre con il sorriso

Lavorare costa sudore e fatica se, nel farlo, diamo tutto noi stessi. Alle volte però ci permette di fare incontri inaspettati con persone che ci regalano insegnamenti profondi e storie bellissime. Questa è una di “quelle” storie.

A pochi minuti dall’inizio del suo spettacolo teatrale, che ha impreziosito l’evento Mazak di Milano abbiamo chiesto all’imprenditore Paolo Cevoli, che convive felicemente nel corpo e nello spirito di Paolo Cevoli attore, di spiegarci cosa sia la “felicità riflessa”.

La felicità riflessa è quella che si ha quando si lavora per servire gli altri. Lo scopo del lavoro è di servire” – che tradotto nel crudo e tecnico linguaggio marketing “mettere il cliente al centro”. Continua Cevoli “L’ho imparato dal mio babbo che non aveva studiato e non conosceva la customer experience o la customer satisfaction, ma che da buon romagnolo sapeva che – quando il cliente è contento sei contento anche tu –”.

Non è una scelta strategica quella di porsi al cliente con il sorriso, lavorare costa fatica, deve essere un’inclinazione, una propensione naturale. Se è finta, si vede e non funziona. Se invece ce l’hai dentro puoi anche superare il fatto che il cliente è di fatto insopportabile, lo sappiamo tutti”.

Come insopportabile? “Dai ammettiamolo, tutti i clienti sono insopportabili. Quando uno si mette la giacca da cliente diventa insopportabile”. E ogni giorno noi siamo clienti e fornitori di servizi, dipende dalla giacca (o dal cappello, scegliete voi). “Molte volte le persone si vendicano dei torti subiti quando sono clienti o viceversa”.

Quindi dobbiamo scegliere di mettere il servizio al centro? “No, proprio il cliente al centro. Il cliente come persona fisica” Interessante, non l’azienda che esso rappresenta. “Ogni singola persona è importante, non la categoria di clienti. Il servizio è l’oggetto della prestazione, ma il soggetto è la persona” “Traducendolo con il linguaggio della ristorazione – il piatto di lasagne è sempre quello, è il cliente e la sua percezione del prodotto che cambia, e quindi tu lo devi servire in maniera diversa”.

Lavorare con Cevoli spettacolo teatrale

Lavorare con il sorriso: una storia di famiglia

Durante il suo spettacolo Cevoli proietta alcune immagini della sua storia, della sua famiglia. Una famiglia proprietaria di una piccola pensione, zero stelle come sottolinea Paolo Cevoli, legata al territorio della Romagna degli anni 60 e 70.  Sono gli anni del primo boom turistico e di quanti, finalmente, potevano permettersi pochi giorni di ferie al mare dopo anni di sacrifici. Nelle foto i volti della famiglia Cevoli ritratti con i loro clienti sono emblematici: volti sorridenti, magari tirati perla stanchezza, ma sempre sorridenti. Non vogliamo anticipare nulla dello spettacolo che va visto e goduto, sia per le risate (tante) sia per la profondità di certi concetti che arrivano leggeri ma che restano e speriamo mettano radici.

Ai genitori di Cevoli “rubiamo” la frase di saluto con cui si separavano dai loro clienti alla fine della vacanza “Se vi siete trovati bene, magari ritornerete”. È l’augurio che speriamo vi riporti da noi di Pro-Meet. Grazie famiglia Cevoli.