Mese: giugno 2019

ecosostenibilità_cover_ambiente

Ecosostenibilità anche negli eventi aziendali

La sua ecosostenibilità è uno degli aspetti a cui amiamo dare maggiore peso nella presentazione di un progetto. Negli ultimi anni la nostra collaborazione con Banco Alimentare e Sicitibo ha permesso di recuperare la quasi totalità degli alimenti non consumati e di poterli ridistribuire, in modo solidale, a chi ne avesse avuto più bisogno sul territorio. Ma in questo processo non siamo sole. Dobbiamo infatti ringraziare tutte quelle aziende, nostre clienti, che hanno subito incontrato con entusiasmo questa nostra proposta.

Crediamo però che lo sforzo debba essere ancora maggiore. Le cifre d’altra parte parlano da sole: in Italia l’industria della plastica produce 13,5 miliardi di pezzi ogni anno, quasi tutti prodotti con materiali non efficacemente riciclabili. La recente approvazione della Direttiva Europea, che dovrà essere recepita in Italia a partire dal 2021, vedrà vietata la commercializzazione di diverse tipologie di prodotti in plastica monouso.

ecosostenibilità evento plastica

Abbracciamo quindi con entusiasmo l’iniziativa di Federdistribuzione che vuole anticipare già al 1 di luglio di quest’anno l’introduzione sugli scaffali della grande distribuzione di prodotti monouso in materiale riciclabile e compostabile. Prendiamo quindi a prestito le parole di Claudio Gradara, presidente di Federdistribuzione “…vogliamo essere attori di cambiamento, coerenti con i nuovi valori, anticipando le leggi e stimolando i consumatori verso atteggiamenti e azioni sostenibili e favorevoli alla tutela dell’ambiente.”

Ecosostenibilità: impegno per tutta la filiera

Nel nostro caso, come società organizzatrice di eventi, dobbiamo coinvolgere tutta la filiera, sensibilizzando fornitori e clienti sulle possibili scelte. Durante meeting, coffee breack ed eventi il consumo di plastica usa e getta può essere elevato. Fermo restando che alcuni casi specifici richiedano questo tipo di materiale, la loro riduzione può avvenire utilizzando vetro, materiali biodegradabili e compostabili o derivati da fonti rinnovabili.

Ma ecosostenibilità vuol dire anche richiedere ai catering nostri partner alimenti quanto più possibile a KM0 o comunque prossimi per produzione al territorio in cui l’evento viene organizzato. Preferire logicamente alimenti di stagione, riducendo al minimo l’impatto del trasporto e della loro conservazione.

Alle aziende possiamo offrire informazioni, tracciabilità e trasparenza di tutta la nostra filiera organizzativa. Questa nostra scelta, oltre che etica, nasce anche dalla precisa volontà di aggiungere valore all’evento commissionatoci.  In questo siamo sicure di trovare il favore dei nostri clienti e di quanti andremo a incontrare nei prossimi anni.

 

 

“Perché ai clienti devi volerci bene” (Cit. Paolo Cevoli)

Da oltre 30 anni mi occupo professionalmente di congressuale e lo faccio ogni giorno con l’energia e la convinzione di chi ha fatto della propria passione, il proprio lavoro.

Sono nata in una famiglia molto semplice o come si suol dire, di umili origini. La fortuna ha voluto che – sin da molto giovane – io abbia iniziato a respirare, conoscere ed apprezzare il bello, l’arte, la buona cucina, la musica classica, l’amore per i viaggi, per la lettura e per le lingue. Da lì, il passo è stato breve. La conoscenza delle lingue e la mia curiosità mi hanno portato a lavorare prima nell’allora mitica Turisanda, poi all’Hilton, poi a Londra, poi nel mondo dell’hotellerie.

Iniziare come commerciale di un piccolo centro congressi e – dopo qualche anno – spronata da clienti e da un compagno di vita “illuminato” dar vita alla mia agenzia Pro-Meet, è stato naturale.

Clienti: arrivano le nuove generazioni

In questi 30 anni, tanti sono stati i clienti che ci hanno dato fiducia, impossibile menzionarli tutti. Molti di questi sono stati super fedeli e – recentemente – siamo passate a collaborare con la “seconda generazione”.

Molte porte ci sono state aperte da clienti donne, in particolare una segretaria del direttore vendita di un’importante farmaceutica e una segretaria della direzione formazione di una primaria assicurazione con le quali ho collaborato per anni, sfatando il mito che le donne sono gelose e non “aiutano” le altre donne.

E di donne, è fatto il nostro team. Anche in questo caso possiamo parlare di fedeltà. Giusy, matricola n. 1, è in Pro-Meet da ben 29 anni, seguita da Livia, con noi da 22 e da Simona che sta per raggiungere il traguardo dei 20. Last, but not least, un’altra risorsa importante ci ha raggiunto quasi 4 anni fa: Doriana.

Il mio primo ufficio? Non sono partita da un garage, come vogliono tante storie moderne, ma dal mio minuscolo appartamento. L’arredo? Un fax e una scaffalatura a “serranda” anni ’30, scelto perché potesse armonizzarsi con il resto della casa. Naturale approdare dopo circa 8 mesi in un ex negozio trasformato in ufficio e ancora dotato di utilissime scaffalature, subito riempite di dépliant, faldoni di pratiche, e una quantità di carta che non poteva più trovare posto nei miei 40 mq. di allora. Ora verrei definita una startupper!

clienti editoriale 30 anni
Un momento dello spettacolo di Paolo Cevoli. La storia della sua famiglia è un insegnamento importante per chi dialoga ogni giorno con le aziende.

Ai clienti devi volerci bene!

I 30 anni che mi separano dal 1989 non mi sembrano nemmeno passati. Me lo ricordano i miei capelli sale e pepe. La passione per il mio lavoro è identica a quella di allora, l’amore per i miei clienti pure. E, come dice Paolo Cevoli, romagnolo DOP in uno dei suoi spettacoli: “perché ai clienti devi volerci bene”. E, citando sempre Paolo, il lavoro che svolgo è ben rappresentato da “servi se servi” e – del servizio – ho fatto e faccio il mio credo quotidiano, insieme al mio gruppo di lavoro.

 

Lavorare sempre con il sorriso

Lavorare costa sudore e fatica se, nel farlo, diamo tutto noi stessi. Alle volte però ci permette di fare incontri inaspettati con persone che ci regalano insegnamenti profondi e storie bellissime. Questa è una di “quelle” storie.

A pochi minuti dall’inizio del suo spettacolo teatrale, che ha impreziosito l’evento Mazak di Milano abbiamo chiesto all’imprenditore Paolo Cevoli, che convive felicemente nel corpo e nello spirito di Paolo Cevoli attore, di spiegarci cosa sia la “felicità riflessa”.

La felicità riflessa è quella che si ha quando si lavora per servire gli altri. Lo scopo del lavoro è di servire” – che tradotto nel crudo e tecnico linguaggio marketing “mettere il cliente al centro”. Continua Cevoli “L’ho imparato dal mio babbo che non aveva studiato e non conosceva la customer experience o la customer satisfaction, ma che da buon romagnolo sapeva che – quando il cliente è contento sei contento anche tu –”.

Non è una scelta strategica quella di porsi al cliente con il sorriso, lavorare costa fatica, deve essere un’inclinazione, una propensione naturale. Se è finta, si vede e non funziona. Se invece ce l’hai dentro puoi anche superare il fatto che il cliente è di fatto insopportabile, lo sappiamo tutti”.

Come insopportabile? “Dai ammettiamolo, tutti i clienti sono insopportabili. Quando uno si mette la giacca da cliente diventa insopportabile”. E ogni giorno noi siamo clienti e fornitori di servizi, dipende dalla giacca (o dal cappello, scegliete voi). “Molte volte le persone si vendicano dei torti subiti quando sono clienti o viceversa”.

Quindi dobbiamo scegliere di mettere il servizio al centro? “No, proprio il cliente al centro. Il cliente come persona fisica” Interessante, non l’azienda che esso rappresenta. “Ogni singola persona è importante, non la categoria di clienti. Il servizio è l’oggetto della prestazione, ma il soggetto è la persona” “Traducendolo con il linguaggio della ristorazione – il piatto di lasagne è sempre quello, è il cliente e la sua percezione del prodotto che cambia, e quindi tu lo devi servire in maniera diversa”.

Lavorare con Cevoli spettacolo teatrale

Lavorare con il sorriso: una storia di famiglia

Durante il suo spettacolo Cevoli proietta alcune immagini della sua storia, della sua famiglia. Una famiglia proprietaria di una piccola pensione, zero stelle come sottolinea Paolo Cevoli, legata al territorio della Romagna degli anni 60 e 70.  Sono gli anni del primo boom turistico e di quanti, finalmente, potevano permettersi pochi giorni di ferie al mare dopo anni di sacrifici. Nelle foto i volti della famiglia Cevoli ritratti con i loro clienti sono emblematici: volti sorridenti, magari tirati perla stanchezza, ma sempre sorridenti. Non vogliamo anticipare nulla dello spettacolo che va visto e goduto, sia per le risate (tante) sia per la profondità di certi concetti che arrivano leggeri ma che restano e speriamo mettano radici.

Ai genitori di Cevoli “rubiamo” la frase di saluto con cui si separavano dai loro clienti alla fine della vacanza “Se vi siete trovati bene, magari ritornerete”. È l’augurio che speriamo vi riporti da noi di Pro-Meet. Grazie famiglia Cevoli.